Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

La sicurezza in bagno per le persone anziane.

Le statistiche lo dicono chiaramente: è il bagno il posto più pericoloso della casa. Tra vasca, doccia e wc, infatti, quella che per molti appare come una stanza in cui potersi concedere un attimo di relax, magari con un bagno caldo, in realtà può facilmente trasformarsi in un luogo pieno di insidie, specie per le persone più anziane.

Secondo diverse ricerche, basate anche sui dati delle persone che arrivano al pronto soccorso, tra gli over 65 le cadute in bagno occupano una percentuale molto rilevante come causa di incidenti domestici; percentuale che diventa ancora maggiore se si sposta il limite dell'età considerata a 85 anni.

Anche il tipo di danno subito a seguito di un infortunio accorso nel bagno di casa varia in base all'età: se per slogature e distorsioni, infatti, i dati dicono che la differenza tra giovani e anziani è quasi nulla, per quel che riguarda le più gravi fratture l'aumento dell'età fa salire la possibilità di rimanerne vittima del 30%. In particolare sono le donne ad essere più colpite, data la loro struttura muscolare generalmente più fragile.

Se la caduta generica, come detto, è il principale fattore di rischio, per quanto riguarda gli anziani, in particolare, gli esperti individuano tre situazioni dalle quali derivano la maggior parte degli incidenti: la prima è la scivolata causata dai piedi bagnati, In questo caso, però, va detto che l’aumento delle difficoltà di movimento dovute all'età fa diminuire il numero degli incidenti, in quanto, per lavarsi, le persone più anziane si fanno aiutare da qualcuno.

Più frequente è la caduta che avviene nel momento in cui ci si alza o ci si siede sul water: una gesto semplice che, però, per le persone con più difficoltà di movimento può risultare pericoloso se non si hanno appigli con cui aiutarsi.

La terza, e principale, causa di cadute sono le alzate notturne: complice il sonno e, in molti casi, le medicine prese per dormire meglio, gli anziani che si alzano durante la notte sono più tra i soggetti più a rischio di incidenti domestici.

Consapevoli di tutto questo, è bene sapere che ci sono diverse cose che si possono fare per limitare i fattori di rischio, sia a livello di precauzione nel pensare alla disposizione di sanitari, mobili e prese elettriche, sia a livello di accessori da installare per favorire la sicurezza dei movimenti.

Sul versante della prevenzione, una prima indicazione importante è quella di tenere le prese di corrente il più lontano possibile dall’acqua, visto che anche la corrente è uno dei fattori che provocano incidenti in bagno, purtroppo con conseguenze anche molto gravi. Per lo stesso motivo, è bene tenere la lavatrice lontano dalla vasca e non montare caldaie o scaldabagno sopra la vasca stessa.

Anche controllare la temperatura dell’acqua, impostando il termostato di caldaia o scaldabagno a temperature non troppo alte, è un buon metodo di prevenzione: la pelle degli anziani, infatti, è più sottile e, quindi, più soggetta a dolori e bruciature in caso di temperature eccessive.

Per quanto riguarda le citate cadute notturne, invece, un aiuto può derivare dall’installazioni di luci di sicurezza: avere una luce, anche debole, che guidi verso il bagno durante la notte, è un elemento da non trascurare. Per chi volesse qualcosa di più tecnologico, esistono anche lampade che si accendono quando percepiscono un movimento, garantendo giusta illuminazione e, nel contempo, risparmio energetico.

Altro elemento di sicurezza sono i maniglioni da applicare nei punti strategici del bagno: accanto al WC, vicino alla porta d’ingresso e all’interno della doccia o sopra la vasca. Per quanto riguarda quest’ultima, inoltre, sarebbe meglio eliminare i vecchi modelli che necessitano di scavalcare il bordo: molto meglio una vasca con cabina doccia a cui si possa accedere più facilmente. Inoltre, è senza dubbio utile installare un seggiolino per sedersi sia all’interno della doccia, sia nella vasca. La soluzione migliore rimane quella di sostituire i sanitari con modelli adatti alle persone con difficoltà motoria.

Per prevenire le scivolate, invece, esistono moltissimi tappetini in gomma o decalcomanie antiscivolo da applicare sia in vasca e doccia, sia sul pavimento, garantendo una maggiore presa anche con i piedi bagnati.

Ultimo aspetto a cui fare caso è la serratura della porta: poter chiudere a chiave il bagno è senza dubbio un elemento importante di privacy, ma in caso di incidente è fondamentale che la porta sia dotata di una serratura apribile anche dall’esterno, dando così a chiunque, in caso di incidente, la possibilità di intervenire in maniera tempestiva.

TAGS
Potrebbero Interessarti